Uganda, borse di studio contro l’abbandono scolastico

Uganda, borse di studio contro l’abbandono scolastico

Aiutare i ragazzi dell’Uganda significa dar loro la possibilità di studiare, di imparare un mestiere o una professione. L’alternativa è il lavoro minorile, la perdita di ogni speranza e, nel caso delle ragazze, un matrimonio precoce e la fine degli studi. Per questo la Fondazione Canossiana, insieme alle madri canossiane presenti fin dal 2008 nel Paese africano, hanno promosso uno specifico programma di Sostegno a Distanza per il cui obiettivo è quello di finanziare borse di studio destinate a ragazze e ragazzi che, in tal modo, possono proseguire il loro percorso formativo e costruirsi un futuro.

 

La piaga dell’abbandono scolastico

In Uganda il tasso di iscrizione alla scuola primaria è alto, oltre il 94%, ma solo il 72% degli iscritti porta a termine il primo ciclo scolastico. Inoltre circa 1,4 milioni di bambini dai 6 ai 12 non ha accesso all’istruzione primaria.

L’incidenza dell’abbandono scolastico aumenta poi drasticamente col passaggio alla scuola secondaria: il 77% dei ragazzi, concentrati prevalentemente nelle aree rurali, non prosegue gli studi oltre i 14 anni.

Ragazzi della scuola superiore.

L’altra faccia della dispersione scolastica, è il lavoro minorile: il 16% dei minori di 14 anni, cioè circa 2,4 milioni di bambini, sono impiegati in qualche forma di lavoro. Mentre sono ancora molte le ragazze (circa il 25%) che si sposano fra i 15 e 19 anni e sono quindi costrette ad abbandonare il loro percorso scolastico.

L’impegno delle madri canossiane

La scuola superiore di Kyotera.

Per cercare di dare una risposta ai bisogni delle famiglie e dei ragazzi ugandesi, le madri canossiane hanno fondato nel 2008 a Kyotera, nel distretto sud dell’Uganda, la comunità canossiana di Bethlehem. Ad oggi le 5 missionarie presenti portano avanti un’opera di assistenza ed educazione dei bambini in difficoltà e dal 2014, grazie alla generosità dei benefattori, hanno attivato iniziative di sostegno allo studio di ragazzi meritevoli che dopo il primo ciclo di superiori intendono completare la loro formazione professionale.

Le borse di studio

Si tratta di un’iniziativa di sostegno allo studio di ragazzi di 17 ai 22 anni che frequentano “vocational training school”, ovvero scuole professionali al termine del primo ciclo di scuole superiori. I corsi durano dai 2 ai 3 anni e preparano i ragazzi a professioni quali “insegnante di scuola materna e elementare”, “assistente di laboratorio”, “ristoratore/direttore d’albergo”, “meccanico”, “segretaria”, “veterinario” ecc.

I ragazzi che beneficiano del sostegno allo studio, da anni sono assistiti dalle madri canossiane di Bethlehem, provengono tutti da famiglie povere e disagiate che non possono affrontare le spese dell’istruzione dei loro figli. La quota richiesta è di 390€ all’anno e serve per coprire le tasse di iscrizione e il materiale scolastico.
Per informazioni: adozioni@fondazionecanossiana.org
o chiama il numero numero 045. 597653
Referente operativa Sostegno a Distanza: Giulia Giacomazzi

Per saperne di più sulle diverse iniziative del Sostegno a Distanza promosso dalla Fondazione Canossiana clicca qui e apri il link

Condizioni di bambini e giovani in Uganda

  • Il 33% della popolazione vive sotto la soglia di povertà, ossia con meno di 1,5 euro al giorno
  • Il tasso di mortalità infantile è di 38 morti/1000 nati vivi
  • Circa un terzo dei bambini non è registrato al momento della nascita
  • Oltre il 12% dei bambini sotto i cinque anni è in condizione di sottopeso moderato o grave, con maggioreincidenza nelle aree rurali
  • Il tasso di alfabetizzazione della popolazione adulta è del 78% circa, con significative differenze fra maschi e femmine (circa 10% in meno).

Leave a Reply

Your email address will not be published.